Top

Blog

MECCANICA DI PRECISIONE PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE: UN CASE HISTORY DI SUCCESSO

Il settore della meccanica di precisione rappresenta un’eccellenza assoluta nell’industria moderna. L’attenzione che viene richiesta è ai massimi livelli, sia nel corso della progettazione che in quello della lavorazione: si passa dalla fase relativa al disegno tecnico a quella che vede impegnate le migliori professionalità per l’ottimizzazione e il collaudo del pezzo realizzato. Il livello di precisione da garantire è assoluto e i settori all’interno dei quali questa speciale disciplina trova applicazione sono in primis quello industriale, medico e farmaceutico.

Controllo e qualità dell’aria: ecco cosa può fare la meccanica di precisione per il monitoraggio ambientale

L’innovazione è la chiave di volta che regge una complessa struttura, fatta di studi e continua ricerca. La meccanica di precisione si muove nel campo della creazione di componenti e strumentazioni ad alto tasso di accuratezza, come ad esempio quelli relativi al monitoraggio ambientale. Il controllo della qualità dell’aria è un tema sempre più al centro del dibattito internazionale, ecco perché servono sistemi all’avanguardia come Swam Dual Channel progettato nella parte meccanica da 3D Meccanica per conto di Fai Instruments – capace di rivoluzionare il settore del campionamento e della misura di massa del materiale particellare aerodisperso. I livelli di precisione che questo strumento è in grado di raggiungere lo rendono il perfetto sistema per metodi di riferimento automatici per PMx.

Swam Dual Channel, realizzato da 3D Meccanica per il monitoraggio ambientale

Il concetto di monitoraggio ambientale è complesso e affascinante, un intreccio di dati che serve a strutturare una griglia da studiare per prevenire effetti dannosi per l’ambiente che ci circonda. Si tratta del mix di misurazioni e determinazioni periodiche relativamente ai livelli di inquinamento o a specifici parametri. È un processo che mette insieme la raccolta e la valutazione dei dati biofisici in un certo ambiente di riferimento: il tempo del campionamento è quello necessario a generare una mole di informazioni statistiche rilevante. È ad apparecchi ad alta tecnologia come Swam Dual Channel che viene affidato il delicato compito di raccogliere e gestire i dati: lo strumento, nello specifico, è progettato per mettere a segno il campionamento automatico e sequenziale di materiale particellare in sospensione nell’atmosfera su membrane filtranti. Inoltre è in grado di effettuare la misura di massa del particolato raccolto. Opera seguendo due indipendenti linee di prelievo ed è progettato per essere di sostegno a indagini che puntino a definire lo stato della qualità dell’aria in merito all’inquinamento da PMx. Per i due campioni prelevati, la misura di massa si effettua contestualmente e sfrutta una metodologia del tutto innovativa, che si basa sulla tecnica dell’attenuazione “beta”.

Quello che è possibile mettere a segno con Swam Dual Channel è un monitoraggio in contemporanea (e ad alto standard qualitativo) dell’evoluzione delle concentrazioni di massa di due frazioni di materiale particellare aerodisperso (per esempio PM2.5 e PM10). Inoltre, grazie alla disponibilità dei campioni che si saranno accumulati sulle membrane filtranti, sarà possibile procedere con la caratterizzazione chimica. L’apparecchio è stato progettato e realizzato anche per consentire di mettere a segno delle valutazioni di tipo metrologico di sistemi di campionamento e misura di massa del materiale particellare: si può effettuare, per esempio, la valutazione della riproducibilità della misura di massa così come quella dell’equivalenza tra diverse teste di prelievo.