Top

Blog

COME NASCE UN COMPONENTE MECCANICO DI PRECISIONE: PROGETTAZIONE DEL PROTOTIPO 3D

La procedura necessaria per arrivare alla creazione di un componente meccanico di precisone è complessa e ad alta tecnologia, poiché la sua produzione si allontana dai normali standard industriali. Questi prodotti possono essere realizzati in diversi materiali e forme. Poiché rispondono a specifiche richieste, il loro impiego interessa potenzialmente ogni settore produttivo.

Il processo che porta alla creazione di un componente meccanico di precisione parte senz’altro dal prototipo, necessario per valutare contemporaneamente la qualità del componente stesso e la sua effettiva fattibilità e integrazione nell’iter produttivo. Per raggiungere i migliori standard ci si avvale del supporto di programmi specifici come CAD/CAM, che sviluppano disegni tridimensionali del componente in studio. Una volta che il modello è realizzato, si potrà sfruttare la simulazione in modo da riuscire a ottimizzare al massimo tutte le fasi di lavorazione prima di dare l’ok e avviarle così alla produzione.

Come avviene la progettazione del prototipo 3D per un componente meccanico di precisione

Fondamentale, nella fase di prototipazione, è la realizzazione di uno studio di fattibilità: occorre scoprire, prima di avviare le macchine, se quel componente possa essere prodotto così come lo ha richiesto il cliente, oppure se vi siano delle problematiche insite nel processo di lavorazione.

L’elaborato contenente il progetto consegnato dal cliente viene analizzato dai tecnici per poi essere tradotto in un disegno CAD (Computer Aided Design), ossia un disegno tridimensionale. È qui che sono contenute le info necessarie per procedere in autonomia alla produzione del pezzo.

A questo punto entrano in gioco i software CAM (Computer Aided Manufacturing), programmi che consentono di generare tutte le istruzioni da impartire alla macchina utensile, con l’intento di realizzare il manufatto partendo dal progetto CAD. Il software simula i possibili movimenti in via tridimensionale, in modo da scongiurare errori ed incidenti.

Il passaggio conclusivo è quello dell’invio delle informazioni alla macchina a controllo numerico, che avvia le operazioni per la realizzazione del pezzo. Una procedura che può ripetersi senza più interventi diretti degli operatori umani.

Leggi l’articolo MACCHINARI A CONTROLLO NUMERICO: ECCO COME FUNZIONANO